Storia della prima comunione

Prima Comunione sta definendo momento nella vita di vostro figlio. Famiglie cattoliche credono nella sacralità della Prima Comunione.

Il Sacramento dell’Eucaristia, chiamata anche la cena del Signore o Santa Comunione, è il secondo dei sette sacramenti. Il racconto biblico prima dell’Eucaristia si trova in 1 Cor. 11:23-26. Istituita da Cristo durante l’Ultima Cena, la Santa Comunione da allora è stato ricordato da molte chiese, la Chiesa Cattolica Romana essendo la più grande denominazione cristiana a osservare questo.

abito da comunione

Immagine di credito: www.bridesire.it

La Chiesa Cattolica Romana segue anche l’esempio di Gesù Cristo set che dimostra quanto i bambini significano per lui, dicendo che il regno di Dio deve essere accolto come un bambino se ne compiace. “Ora stavano portando anche i bambini a lui che li toccasse. E i discepoli, veduto ciò, li sgridavano. Gesù li chiamò a lui, dicendo:” Lasciate che i bambini vengano a me e non glielo impedite, per a tale appartiene il regno di Dio.. In verità, vi dico: chi non accoglie il regno di Dio come un bambino non entrerà in esso “Luca 18:15-17 (cfr Mc 10,13-15; Matteo 19:13-14)..

Fin dall’inizio, nei suoi sforzi per portare i bambini a Gesù, la Chiesa Cattolica Romana ha permesso bambini e neonati a prendere parte al pasto sacro. In alcune chiese era tradizione per dare ai bambini i piccoli frammenti lasciati dalla comunione degli adulti. Questa usanza religiosa è stato fatto anche nel Battesimo come prescritto in libri antichi rituali nel XIII secolo. In seguito questa pratica è stato interrotto nella Chiesa latina. Anche se la pratica di dare la comunione ai bambini molto piccoli è stata cambiata, la Chiesa Cattolica non condanna questo.

Il 15 agosto 1910 un decreto che ripristina una legge della Chiesa antica sul Prima Comunione (Quam Singulari) è stata ufficializzata da Papa Pio X. Ha incoraggiato l’ammissione dei bambini alla ricezione del sacramento dell’Eucaristia abbassando l’età per il primo comunione a sette anni. Il Papa voleva che i bambini che erano di età compresa tra sette e otto tra di prendere parte al servizio eucaristico subito dopo aver raggiunto l’età” di discrezionalità”. La Chiesa cattolica definisce “l’età della discrezione”, come l’età in cui il bambino comincia a ragionare.

Oggi, mentre ci sono molte chiese cristiane che permettono ai bambini che sono stati battezzati a partecipare alla Santa Comunione, la Chiesa cattolica sostiene Prima Confessione precedere la Prima Comunione. Oltre a rendere la Prima Confessione, il bambino dovrebbe anche essere in stato di “grazia”, e come parte dei requisiti della Chiesa. Partecipare Prima Comunione significa che il bambino è arrivato all’età di discrezione e ha soddisfatto tutti i requisiti della Chiesa, ad esempio, avere un abito da comunione, frequentare le lezioni di catechismo, e memorizzare alcune preghiere.

Posted in Prima comunione | No Comments »

Leave a Reply